Club Secondo Casadei

Per tenere viva la nostra musica tradizionale
Art. 1
Il Club Secondo Casadei ha lo scopo di mantenere vive le musiche del M° Secondo Casadei in Italia e all'estero per una sempre maggiore conoscenza della tradizione culturale romagnola.


Art. 2
Il Club Secondo Casadei può organizzare, promuovere, patrocinare e collaborare con qualsiasi manifestazione che in qualche maniera promuova lo scopo del Club.


Art. 3
Il Club Secondo Casadei sarà diretto da un consiglio costituito da undici consiglieri, eletti direttamente dall'assemblea mediante votazioni. Avranno diritto al voto tutti i soci muniti di tessera regolare; non sono riconosciute deleghe.


Art. 4
La votazione per l'elezione del consiglio avverrà mediante una lista di un massimo di venti candidati e dovrà essere presentata da almeno quindici soci del Club presenti all'assemblea.


Art. 5
Possono far parte di questo Club tutti i cittadini di nazionalità italiana ed estera, di sesso maschile e femminile. Può essere escluso da questo Club qualsiasi persona che faccia politica avversa.


Art. 6
I soci sono riconosciuti da una tessera con fotografia, pagando al Club Secondo Casadei la quota annuale che verrà contrassegnata nell'apposita tessera.


Art. 7
Il consiglio rimarrà in carica per tre anni consecutivi.


Art. 8
In caso di un consigliere dimissionario sarà sostituito con l'ordine progressivo del numero di preferenze dei non eletti.


Art. 9
I consiglieri hanno l'obbligo di essere presenti a tutte le riunioni di consiglio. Dopo tre assenze ingiustificate saranno sostituiti con l'ordine progressivo del numero di preferenze dei non eletti. Sarà compito del segretario fare l'appello di presenza.


Art.10
Il consiglio eleggerà un presidente, un vice presidente, un cassiere, un segretario, un direttore ufficio stampa e due revisori dei conti.


Art.11
Il direttore dell'ufficio stampa e il segretario possono essere eletti anche fra i non consiglieri.


Art.12
Il direttore dell'ufficio stampa ha il compito di curare le pubbliche relazioni e i rapporti esterni del Club.


Art.13
Il Club avrà sede autonoma: non potrà essere insediato nei locali da ballo, nei circoli politici e nei circoli di associazioni di indirizzo politico come ARCI, ENDAS, ACLI, ecc...


Art.14
Lo statuto può essere modificato solo dall'assemblea del Club con approvazione di una maggioranza non inferiore ai due terzi di tutti i soci iscritti al Club.